TESSERAMENTO: LA CONFERMA DI CIO’ CHE SIAMO E L’INIZIO DI UNA NUOVA STORIA

TESSERAMENTO: LA CONFERMA DI CIO’ CHE SIAMO E L’INIZIO DI UNA NUOVA STORIA

511.685. Fa impressione pensare che siete, che siamo così tanti. E siamo anche aumentati: le tessere nell’ultimo anno sono cresciute di 1.921 unità, pari a un +0,38%. Ma come, nell’anno più nero della crisi economica, con il lavoro che cala e con la politica che spesso mette in stato d’accusa il sindacato, la Cgil in Toscana aumenta il numero dei suoi iscritti e delle sue iscritte? Non siamo certo noi quelli che si stupiscono. Perché sappiamo quanto cerchiamo di difendere i lavoratori e i pensionati nelle mille vertenze e nei mille problemi di ogni giorno, senza mai lasciare nessuno da solo.
Ma i dati sul tesseramento, dove a dispetto dei luoghi comuni crescono gli attivi e calano sia pur di poco (-0.34%)  i pensionati, raccontano anche che si sta preparando una svolta importante. Questo, attraverso il boom del Nidil, la categoria degli atipici, e l’ulteriore rafforzamento della Filcams: si tratta di due categorie molto contraddistinte dal precariato, e la crescita delle iscrizioni dimostra che stiamo riuscendo a rappresentare il cambiamento. Questo per noi è motivo di orgoglio e un segno che si sta andando verso dove si vuole, cioè verso una maggiore inclusione di chi finora è stato escluso da diritti. Dall’altra parte, il calo delle iscrizioni in Fillea sta lì a testimoniare il dramma di un settore, quello dell’edilizia, che ha visto scomparire migliaia e migliaia di posti di lavoro. Nel mezzo, si rileva che il dato sul tesseramento è figlio anche del contributo dei nostri servizi, ai quali molti si rivolgono quando sono messi in discussione i diritti. Rappresentanza collettiva e rappresentanza individuale: due facce della stessa medaglia, due facce complementari della nostra Organizzazione.
Siamo una grande comunità, forse una delle ultime rimaste. Questo risultato ci rende più forti per continuare a fare ancora meglio il nostro mestiere, ma anche ci responsabilizza ulteriormente nei confronti degli oltre 500mila toscani che ci hanno scelto: grazie della fiducia, faremo di tutto per non deludere nessuno. L’anno passato ho chiuso l’editoriale sul tesseramento con un auspicio: che il 2013 fosse l’anno della certificazione degli iscritti, e l’accordo del 10 gennaio prevede l’avvio di questo percorso. Quest’anno rappresenta una tappa è fondamentale, è l’anno del Congresso, dove gli iscritti e le iscritte decideranno come sarà la prossima Cgil: affrontare le regole della rappresentanza con un dato positivo sul tesseramento ci dà più fiducia.